Quintessenze: ascoltare il Maestro Interiore
9 luglio 2017
Cristalli: le pietre del benessere
9 luglio 2017
Show all

Le rappresentazioni del cosmo

Le immagini per la ricerca del sé

Mandala è un termine sanscrito (letteralmente vuol dire cerchio o sfera). Il mandala è un disegno geometrico simmetrico, di solito racchiuso da un cerchio, un quadrato, o un rettangolo.
Spesso questi disegni sono stati considerati dei semplici motivi ornamentali o, peggio ancora, li si è voluti leggere come una sorta di “diagrammi magici”, dotati di non si sa bene quali poteri occulti. La realtà è invece ben diversa e molto più profonda. E’ la rappresentazione più antica del cosmo, presente in tutte le antiche culture.Tutto l’universo è un immenso mandala formato da innumerevoli altri mandala: l’occhio è un mandala, così come il viso, la mano o il corpo; la luna e il sole sono due mandala magici. Per esempio possiamo pensare per un attimo a una mappa con le sue indicazioni, i suoi segni convenzionali, i suoi colori, i suoi nomi. Se vogliamo viaggiare in territori sconosciuti dobbiamo consultare le nostre mappe. Banalizzando al massimo, potremmo affermare che un mandala assolve al medesimo compito di una mappa, solo che è una carta geografica del viaggio interiore, di quel percorso meditativo che conduce, o almeno dovrebbe, all’autentica realizzazione del sé.
Vengono utilizzati come punti focali per la meditazione, in quanto ogni forma sulla quale si possa meditare o ci si possa concentrare, permette un periodo di distacco dal mondo circostante ed una maggior concentrazione su noi stessi.
Le forme mandaliche rafforzano la mente risvegliando i punti energetici della corteccia cerebrale e ripercorrono l’energia immagazzinata nel nostro corpo, sono quindi un ottimo percorso terapeutico, un autodiagnosi, che può risvegliare parti assopite del corpo e della mente, se ci si abbandona alle sensazioni e alle libere associazioni attuate dal cervello.
Il mandala lo si può colorare per puro divertimento ed in questo caso evocherà il piacere che deriva dal lavorare con modelli universali di linee e di forme. Se invece lo si colora a scopo curativo, allevierà le tensioni, i fastidi e accrescerà serenità e lucidità mentale. Infine se lo si colora per una esplorazione spirituale, aiuta ad ottenere la consapevolezza dell’unità della vita dell’universo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *